Presentazione CISR2016-11-09T18:26:25+00:00

Presentazione CISR

Presentazione CISR (PowerPoint)

Nel giugno 1993 il Dipartimento di Lingue e Letterature straniere Moderne dell’Università degli Studi di Bologna ha approvato la nascita di un Centro di ricerca e di documentazione interdisciplinare sul Romanticismo al fine di consolidare e di rendere visibile un’area di ricerca nel cui ambito operano già da anni studiosi e docenti afferenti  a varie aree disciplinari. Una ricchezza di contributi resa manifesta da numerose pubblicazioni, da convegni internazionali, da seminari e conferenze organizzati da molti membri del Dipartimento stesso in autonomia o in collaborazione con altre prestigiose istituzioni. Una ricchezza che sottolinea inoltre la ben nota centralità che gli studi romantici hanno raggiunto in contesti nazionali ed internazionali e che mette in luce la vitalità critica e metodologica che il Romanticismo tuttora coagula intorno a sé.

Nel marzo del 2010 il Centro è stato esteso nel Centro Interuniversitario per lo Studio del Romanticismo (CISR), a cui hanno aderito le seguenti Università: Bologna, Bari, Firenze, Parma, Pavia, Roma “La Sapienza” e Valle d’Aosta. Il Centro, che si è formalmente insediato nel giugno 2010, ha la propria sede amministrativa presso il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere Moderne dell’Università di Bologna (Via Cartoleria 5, Bologna). Esso si propone di promuovere, sostenere e coordinare attività di formazione e collaborazione accademica, di ricerca scientifica e di documentazione interdisciplinare sul Romanticismo. Tale attività di ricerca è condotta anche attraverso l’approfondimento delle correnti che animarono il Romanticismo e che si rapportarono, talvolta anche in termini conflittuali, con periodi, autori, e movimenti precedenti (fonti classiche, poetiche rinascimentali, teatro shakespeariano, neoclassicismo, ecc.). Il Centro intende promuovere indagini teoriche, letterarie, storiche, e linguistico-formali nonché avvalersi di strumenti interdisciplinari per affrontare anche le influenze che il Romanticismo ha esercitato su estetiche, costumi, e movimenti culturali successivi al periodo in questione fino a raggiungere l’epoca contemporanea. Oltre al lavoro di catalogazione di materiale di ricerca sul Romanticismo, con particolare attenzione a fonti, generi, temi, forme e linguaggi, obiettivo del Centro è l’analisi specifica di problematiche di classe, genere, cambiamento sociale e contesto storico. Il Centro mira inoltre a favorire l’adesione di ricercatori afferenti a varie arie disciplinari ed istituzioni, ad incoraggiare iniziative su scala locale, nazionale e internazionale, ed infine a promuovere sia la ricerca specialistica individuale che i progetti di gruppo. A tal fine intende:

1) organizzare incontri di studio, seminari, convegni a livello nazionale e internazionale sull’età pre-romantica, romantica e post-romantica e sui diversi movimenti culturali a queste affini;

2) curare la pubblicazione di studi, riviste ed atti di convegno promossi dal Centro o organizzati in collaborazione con esso, la gestione di un database relativo a tali materiali, e in generale a quelli riguardanti il Romanticismo, e l’espansione del posseduto bibliografico del Dipartimento nel campo;

3) consolidare ed espandere una rete di collaborazioni di vario tipo tra ricercatori singoli, istituzioni nazionali ed internazionali, pubbliche e private, con interessi e scopi affini;

4) incoraggiare scambi di studio e di ricerca tra università italiane ed estere, nonché scambi di informazioni bibliografiche, fonti ed altro materiale;

5) gestire una serie di progetti di ricerca nazionali e internazionali, nonché un fondo dedicato all’assegnazione di borse di studio per giovani ricercatori sia italiani che stranieri;

6) organizzare mostre, concerti e altre manifestazioni artistiche e culturali anche itineranti;

7) promuovere ogni altra iniziativa ritenuta utile all’incremento degli studi sul Romanticismo.

All’attività del Centro possono dare il loro patrocinio e/o la loro collaborazione tutte le istituzioni interessate allo studio dell’età Romantica, quali biblioteche, musei, gallerie, case editrici, fondazioni e istituzioni locali nazionali e internazionali.

Il Centro è inoltre aperto alle adesioni di altri Dipartimenti e Istituti di ricerca delle Università convenzionate e di Altre Università. Possono altresì aderire al Centro, a titolo personale, singoli studiosi che ne facciano motivata richiesta. Le adesioni sono subordinate al parere favorevole del Consiglio Scientifico del Centro.

About CISR

 About CISR (PowerPoint, Italian)

In June 1993, the Department of Modern Languages and Literatures of the University of Bologna approved the establishment of an Interdisciplinary Centre for Research and Documentation on Romanticism with the aim of consolidating an area of research in which a number of scholars from several disciplines were working. From then onwards, the Centre produced several publications and organized international conferences, lectures and seminars, working alongside other universities and international research institutions. These results demonstrate the centrality of Romantic studies on both a national and international level, and is an example of the vitality of the critical and methodological approaches at work with Romantic studies.

In March 2010, the Centre, which is based in Bologna, was developed into a new Inter-university Centre for the Study of Romanticism (CISR) which includes the following Universities: University of Bologna, University of Rome “La Sapienza”; University of Bari; University of Florence; University of Parma; University of Pavia and University of Valle d’Aosta. The Centre, which was formally established in June 2010, is based in the Department of Modern Languages and Literatures at the University of Bologna (Via Cartoleria 5, Bologna). It was set up with the aim of promoting the development of young scholars, the collaboration of well-known specialists as well as updating documentation and new research lines on the study of Romanticism. Such research activities are also conducted through the study of the movements that animated Romanticism and their sometimes conflicting relationship with periods, authors and previous movements (classical literature, Renaissance poetics, Shakespearian theatre, Neoclassicism, etc.). The Centre aims to promote theoretical, literary, historical, and linguistic studies as well as using interdisciplinary methods to investigate the influences that Romanticism has had on aesthetics, customs and traditions, and later cultural movements up until the contemporary age. Together with cataloguing all material useful to the study of Romanticism with particular attention to sources, genres, themes, form and language, the Centre endeavours to pay particular attention to issues of gender, class, social change and historical context. We also allow researchers from a variety of disciplines and institutions to collaborate with our work, as well as encouraging initiatives on a local, national and international level. Furthermore, the Centre looks to promote both individual specialist research and group projects. In order to achieve these purposes, the Centre will:

1) organise study sessions, seminars, and national and international conferences on the pre-Romantic, Romantic and post-Romantic age alongside various similar cultural movements;

2) curate academic publications, conference proceedings and texts on the most important aspects of Romanticism, also setting up a database on specific topics of research and promoting the expansion of the library holdings of the department in the field:

3) consolidate and expand a growing network of partnerships in various forms with individual researchers, national and international institutions with similar interests or aims and joint ventures with public and private institutions;

4) encourage contact between both Italian and foreign universities, and student and research exchanges in the area of Romantic studies, as well as exchanging bibliographical information, sources and other materials;

5) promote a series of both national and international research projects and the setting up of grants designed for Italian and foreign students in specific areas of training;

6) organise exhibitions, concerts and various other artistic and cultural events;

7) promote all other initiatives useful to developing the study of Romanticism.

Institutions such as libraries, museums, galleries, publishing houses, foundations and local, national and international institutions which specialise in Romantic Studies can support the Centre through their collaboration or sponsorship.

The Centre is also open to other member-university research departments and institutions and non-member universities becoming a part of it. They can also support the Centre on a more personal basis, for example through the input of individual experts whose applications have been approved by the Centre’s Academic Board.